martedì 3 giugno 2014

Meglio non essere

Tra un lavoro e l'altro, fra uno sfratto e l'altro, uno dovrebbe pure trovare la lucidità per tenere assieme i pezzi, per trovare il modo di persistere nella generale impersistenza delle cose (e non mi si venga a parlare di precarietà a 41 anni come un'opportunità). L'apoteosi quando ti chiedono: "e non hai un figlio?". E per trasmettergli cosa? Le mie tare e oltre alle tare anche la povertà? Gli voglio troppo bene per metterlo nei pasticci. (a sentire i socialisti è colpa dei liberisti, a sentire i liberisti dei socialisti: un branco di coglioni).