martedì 24 giugno 2014

Povera patria, la situazione è talmente grave che dopo le dimissioni di Abete e Prandelli ci si aspetterebbero anche quelle di Renzi e invece pensa al semestre europeo, quello, e dell'arbitraggio se ne fotte.