domenica 17 maggio 2015

Nostalgia delle colonie

Giusto per restare in tema d'autarchia mi sono comprato il carcadè, il tè rosa dell'Abissinia. Solo che questo non è un carcadè antimperialista, lo commercializza una società per azioni. Il colore è rosso intenso, il gusto floreale, con un retrogusto affumicato di tamerici riarse dal sole, leggermente pepato. Pare sia indicato per chi soffre di ipertensione, fa al caso mio. Ricavato dal calice carnoso dell'hibiscus, quello appuntato fra i capelli delle meravigliose regine polinesiane (faccetta nera, bella hawaiana...). E' un peccato che i ragazzi gli preferiscano la Red Bull, si potrebbe vederlo in lattina e dargli un nome più cool, tipo "Bilirubina" (e qui sentiamo la mancanza di quel grande brand maker del D'Annunzio, porco cane).