venerdì 16 maggio 2014

Immagino che sappiate cos'è la "fuga delle idee" e cioè quella particolare patologia, indotta da sostanze psicotrope o da un'intossicazione da serotonina, per cui la produzione spontanea delle idee accelera fino al punto da non riuscire più a seguirla e si rimane come spettatori inebetiti di fronte a un caleidoscopio impazzito. Per fare un esempio, quando il disco della mente gira a 33 giri allora ci diciamo nel pieno possesso delle nostre facoltà, se lo stesso disco gira invece a 45 allora no, siamo pazzi. E quindi sarebbe da notare come non siamo comunque liberi di porci all'origine della produzione spontanea delle idee, ma quando questa è lenta e cioè quando gira, per così dire, alla giusta velocità, ci pensiamo padroni, quando invece accelera fino al punto da non poterla più seguire ci diciamo servi. A questo punto voi sapete come la penso e cioè che siamo sempre e comunque servi in relazione alla nostra presunta capacità di arbitrio.