lunedì 1 settembre 2014

E in effetti stasera ho un gran conatus, ho mangiato pesante, c'è il vento che scuote le finestre, sottili come carta velina e trema tutta la casa, non si sa se più per il vento o per le corriere. Per strada strepitano viventi, se li portasse via il vento, un bacile di pece nera li sotterrasse fino al collo. Dormirò male, lo sento, ho giusto uno spiffero che mi gela la spalla, sarebbe più confortevole dormire in una stalla ma non si parla mai di classe energetica nella Bibbia e io ora non so se faccio bene o male a desiderare la classe d'altri.

2 commenti:

  1. Sono felicemente stupito che tu sia, per una volta, tormentato dal pensiero delle classi.

    RispondiElimina