giovedì 26 novembre 2015

Nessuna consolazione

Ho letto l'intervista di Onfray sui fatti di Parigi, e che dire? Le solite banalità, il solito eccesso di sociologismo da gauche al caviale, niente di nuovo. Sono uno strano tipo di nichilista, talmente non credo in nulla che nemmeno sono tentato dall'edonismo, anzi, in quanto ennesimo tentativo di dare un senso alle cose, l'edonismo è una bufala. Vivere, dunque, ma senza alcun tipo di consolazione, né religiosa, né scientifico-razionalista (né tantomeno edonista). Venire trascinati dal fato, volenti ma soprattutto nolenti, questo è l'unico senso che riesco a dare alle cose.