sabato 9 novembre 2013

Ok ok, vedrò di calarmi nella realtà: i figli di Berlusconi chiedono la grazia. Nella mia attuale condizione di massima lontananza dalle cose del mondo pensavo che avessero chiesto la grazia per loro in quanto perseguitati politici («come gli ebrei sotto Hitler»), e invece no, l'avrebbero chiesta per il loro papà. Quale struggente esempio di amor figliale. Berlusconi non mangia più, non dorme più, non ciùla più, c'erano gli estremi per un gesto di umanità (siamo al tramonto, le figure si stagliano confuse nell'incerta luce del crepuscolo, la nottola di Minerva è da mo' che s'è alzata).