mercoledì 14 giugno 2017

Il piano Kalergi

E' arrivato Kalergi, dice che te saluta. "Kalergi lo sapeva: stanno sostituendo i popoli europei coi migranti. Il Capitale importa dall'Africa schiavi senza coscienza di classe per disfarsi dei cittadini radicati e protetti dai diritti. Mentre l'ideologia gender e il nuovo mito omosessualista distruggono la nostra procreazione" (l'ultimo marxista). Non è dunque che siamo fin troppi al mondo e tutti in cerca di qualcosa di cui vivere, no, c'è un piano ben congegnato del Capitale per togliere i diritti ai cittadini delle polis attraverso l'introduzione di schiavi numidi senza coscienza di classe. C'entrano pure i maricones, che, li vuoi lasciare fuori? Gli utili idioti del Capitale, i corruttori degli umori vitali dell'occidente che ci condurranno tosto all'estinzione. Ora, non è mia intenzione entrare nel merito dell'affaire Kalergi, cosa sia, cosa non sia e via dicendo (qui ve la vedrete voi, se ne avrete voglia), io dico solo che la questione è molto più semplice di come la dipinge il filosofo ribelle: siamo in tanti su questa terra, le crescenti necessità di ciascuno creano per eterogenesi dei fini tutto l'intricato plesso di problematiche ascritte al famigerato piano Kalergi, del quale non v'è alcun bisogno per spiegare le fantasmagoriche vicende della realtà (applicazione pratica del rasoio di Occam). Poi se ti piace infiorettare i fatti per renderli più romanticamente rivoluzionari fai pure, ma non ti aspettare che venga a stenderti ponti d'oro.