martedì 19 gennaio 2016

Senilità

Avevo intenzione di scrivere qualcosa che sarebbe passato alla storia ma ahimè il computer principale si è bloccato nel corso di una laboriosa operazione di aggiornamento di cui ancora non si intravede la fine, così abbiamo riattivato il vecchio computer, al quale va tutta la nostra riconoscenza. Comunque niente più post epocale, parleremo d'altro.

Per esempio, oggi ricorrono i sedici anni dalla morte di Craxi. Se penso a quanto tempo ho buttato a detestare Craxi. Ai miei occhi la principale colpa di Craxi, ancora più delle note vicende di Mani Pulite, fu senz'altro la sua arroganza, e ai tempi io ero ancora provvisto di abbastanza energia per detestare mezzo mondo. Così mi venne fin troppo facile rimpiazzare Craxi con Berlusconi, passaggio che non mi riuscì invece con Renzi causa sopraggiunta senescenza dei condotti biliari (l'arroganza di Renzi mi fa ridere). Insomma, con l'avanzare dell'età tutto mi diventa più lieve, nemmeno Grillo riesco a detestare con la determinazione di una volta, tutto si allenta, tipo l'elastico delle mutande.

(Nel frattempo l'aggiornamento sta ancora al 92%, è fermo lì da più di un'ora e non c'è verso di smuoverlo, né con le buone né con le cattive, che faccio, me la prendo con Bill Gates? Macché, mi è rimasta energia sufficiente per infilarmi a letto e spegnere la luce, capite come sto messo).