venerdì 23 agosto 2013



Too big to fail, Berlusconi non può crollare, i giudizi si prendano le loro responsabilità e si mettano l'anima in pace, è colpa loro se cade il governo. Comunisti che usciti dal Parlamento avete trovato il modo di rientrare dalla Corte, avete visto cos'avete combinato? Adesso è un bel guaio. Quello più lo condanni e più gli dai occasione di resuscitare martire e se lo lasci in pace beatamente s'allarga, è una sciagura che non ha rimedio. Forse, un giorno, confidando nella demenza senile, ma intanto campa cavallo. Fra gli irriducibili c'è ancora chi aspetta la rivoluzione liberale, il fascino del cuménda non tramonta mai. Forse non è colpevole. Forse è una sentenza politica. I giudici non potevano non sapere che Berlusconi è un uomo politico e come tale soggetto agli attacchi dei giudici che fanno politica. Ma anche i giudici sono uomini politici e come tali soggetti agli attacchi politici degli uomini politici che fanno politica. Quindi Berlusconi è un giudice.