sabato 18 marzo 2017

Nota sulla laicità

Ultimamente se mi capita di parlare di laicità io la sparo grossa per sgomberare subito il campo: sono per l'eliminazione totale di tutti i simboli religiosi, veli, croci, papaline, kippah, kesa e altre chincaglierie o uniformi o straccetti del genere. Sì, ma come fai a distinguere il significato religioso da quello tradizionale o legato semplicemente alla moda? Ma Infatti non lo distingui, allora l'importante è depotenziare il significato politico del capo o del ninnolo, far capire che fra un Albero Bianco di Gondor e una Mano di Fatima non vi è alcuna differenza, e questa perdita di significato la devi in qualche modo suscitare, anche mettendola giù a muso duro, perché grande è la confusione sotto i cieli e forte è la tentazione di attaccarsi a un qualsiasi oggettino per farne baluardo identitario e bandiera ideologica, l'uomo si abitui a non credere in niente: né con Dio ma per l'appunto nemmeno coi Lumi, perché la mia non vuole essere una rivendicazione della ragione come ultimo e più degno rimedio, semplicemente nessuno ci salverà e questo ce lo dobbiamo ficcare in testa.



4 commenti:

  1. Per non offendere nessuno, vengono offesi tutti. Non che mi interessi in particolare di quella che chiamano pomposamente "sensibilità religiosa", anche io ho creduto (per non molto in verità) a Babbo Natale. Solo che così non si affronta il problema reale: quello della riconoscibilità. È la mancanza di riconoscibilità che cozza con il nostro codice, però non si può dire, perchè se portare il casco è prescritto da una sola religione bisogna, per equità, colpirle tutte. Ah, quello della kippah non avrà alcuna difficoltà a adeguarsi mentre convincere quello che mette il casco alle proprietà di sesso femminile... buona fortuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'impossibilità della ricetta era già implicita nel post, pure dichiarata.

      Elimina
  2. Se posso, sarebbero considerazioni valide in un eterno presente. Dietro i simboli c'è il peso della storia. Pure la lampadina alata, per te può essere un divertissement, ma quanta storia c'è dietro? E dal simbolo non se ne esce fuori tanto facilmente, anche questo salvifico punto di fuga è impraticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono sostanzialmente d'accordo.

      Elimina