lunedì 24 febbraio 2014


In fondo siamo tutti seguaci del fabianesimo, più influenti del gruppo Bilderberg, più subdoli dei Sette Savi di Sion. Nostro scopo è nutrirci del capitalismo per cacare il socialismo, pragmatici più che utopici, lupi travestiti da agnelli, temporaggiamo e conquistiamo, come Quinto Fabio Massimo al cospetto di Annibale Barca. A Lenin e al comunismo preferiamo il riformismo, logorare e calmierare, sfiancare e ipnotizzare, conquistare dall'interno e l'irsuta bestia capitalista si troverà tramutata in docile agnellino senza sapere ne quando ne come. State all'occhio, state sereni, mazel tov.