martedì 15 settembre 2015

Incompreso

Non c'è verso di capirci, è inutile, noi occidentali siamo delle merde, sfruttiamo il pianeta, foraggiamo dittatori, ecc. E chi lo nega? L'occidente è una vicenda grande fatta di luci e d'ombre, e per questo è anche il luogo in cui matura il pensiero critico, stiamo attenti a buttare il bambino con l'acqua sporca. E poi quello che intendevo dire, e non indugerò oltre per non ripetermi all'infinito, è che anche la critica all'occidente ha una radice occidentale, e mi riferisco in particolare alla critica che giunge da sinistra. Il marxismo è un prodotto tipicamente occidentale, così come il multiculturalismo e così via, quando noi ci proponiamo di accogliere profughi e immigrati in nome della diritti umani, in quello stesso istante noi troviamo conferma del nostro essere occidentali: è così difficile da comprendere? (non che noi abbiamo il copyright della dignità e dell'abiezione, è solo che quel certo modo di appellarci ai diritti universali dell'uomo è cosa tipicamente occidentale, di derivazione illuminista).