domenica 8 maggio 2016

Ribaltiamo la questione

Se pure Nogarin viene indagato, e sulla sua assoluta correttezza possiamo metterci la mano sul fuoco, significa che il tarlo non è nei politici ma è nella legge, è la legge che è criminogena. Fuor di scherno, qui non si capisce più niente, sempre più difficile separare il grano dal loglio, bisognerà pure lasciare un po' di spazio di manovra a 'sti poveri amministratori, sennò tanto vale consegnare l'Italia ai magistrati, che governino loro, che la legge la conoscono come loro tasche (ovviamente non siamo usciti completamente dallo scherno).