domenica 8 maggio 2016

Ribaltiamo la questione

Se pure Nogarin viene indagato, e sulla sua assoluta correttezza possiamo metterci la mano sul fuoco, significa che il tarlo non è nei politici ma è nella legge, è la legge che è criminogena. Fuor di scherno, qui non si capisce più niente, sempre più difficile separare il grano dal loglio, bisognerà pure lasciare un po' di spazio di manovra a 'sti poveri amministratori, sennò tanto vale consegnare l'Italia ai magistrati, che governino loro, che la legge la conoscono come loro tasche (ovviamente non siamo usciti completamente dallo scherno).

4 commenti:

  1. Non capisco se il tono del post sia ironico o meno. Prenderlo per serio: dalla premessa che la legge è criminogena non segue che debbano governare i magistrati ma semmai rendere la legge non crimonogena e se questo non vinee fatto non dipende certo dai magistrati. Il punto è che non c'e' nessuna legge criminogena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era ironico, in senso socratico

      Elimina
    2. socratico per cosi evidente non sequitur? complimenti!!

      Elimina
    3. Va be', in ogni caso era ironico, fidati

      Elimina